Ostuni, due gli assolti nel crollo nella scuola

0
402
La scuola elementare "Enrico Pessina" di Ostuni (Brindisi), l'istituto in cui ieri si è verificato il crollo di un pezzo di intonaco dal soffitto che ha ferito due bambini e una maestra, attualmente sotto sequestro dopo i fatti, in una foto di oggi fornita dal commissariato locale, 14 aprile 2015. ANSA / US POLIZIA +++ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING+++

 Sono stati assolti “perché il fatto non sussiste” il capo dell’ufficio tecnico del Comune di Ostuni (Brindisi), all’epoca dei fatti, Roberto Melpignano e il direttore dei lavori, Salvatore Molentino, che si occuparono della ristrutturazione della scuola elementare “Pessina” all’interno della quale il 13 aprile 2015 si un pezzo di intonaco che precipitò su una classe. Rimasero feriti due bambini e una maestra, in modo non grave.

 

 

Erano accusati di inadempimento di contratti di pubbliche forniture, lesioni personali colpose, rovina di edifici e di altre costruzioni, falso ideologico. Aveva già patteggiato una pena a un anno e un mese Palmiro Brocca, il titolare della ditta leccese che eseguì i lavori nella scuola, inaugurata solo qualche settimana prima, dopo le vacanze di Natale. Erano parte civile i famigliari dei due alunni feriti e l’insegnante, mentre il comune di Ostuni che aveva rinunciato a costituirsi, era stato poi citato come responsabile civile. L’accusa aveva chiesto la condanna per entrambi.

ansa

redazione

LASCIA UN COMMENTO