L’astro nascente del jazz Andrea Motis al Teatro TaTà di Taranto

0
786

Nell’anno in cui si festeggiano i cent’anni del primo disco di jazz, la musica di Louis Armstrong ha visto nascere una nuova stella nella costellazione Donna. Anche lei suona la tromba (e canta). Ed è spagnola. Non a caso la chiamano «la niña prodigio». È Andrea Motis (con l’accento sulla «i»), ventunenne musicista di Barcellona che la critica ha già paragonato a Norah Jones dopo il debutto col disco «Emotional Dance» per la Impulse Records, la mitica etichetta di John Coltrane. E prima di volare in Giappone per nove date al Blue Note di Tokyo, al termine di un 2017 che l’ha vista conquistare la scena internazionale, Andrea Motis si affaccia in Puglia con un appuntamento in esclusiva per l’inaugurazione dell’XI edizione del Ghironda Winter Festival, in programma domenica 3 dicembre (ore 21), al Teatro TaTà di Taranto (biglietti in vendita sul circuito booking show, 10 euro più prevendita), dove a conclusione della serata verranno premiati i centosettanta partecipanti al progetto Piano Solo Lab per i quali gli organizzatori hanno anche previsto l’ingresso gratuito. «Una scelta, quella del Tatà, al quartiere Tamburi, in linea con la filosofia Ghironda, che con la musica continua ad accendere i riflettori sui luoghi simbolo della regione», spiega il presidente Giovanni Marangi.

 

Allieva del polistrumentista Joan Chamorro, che l’ha scoperta e voluta in sette dei suoi album per poi restituire il “favore” suonando in «Emotional Dance» e accompagnarla con la sua band in tour, Andrea Motis ricorda Chet Baker per lo stile struggente con cui infila gli assolo alla tromba. E se per la voce molti l’hanno avvicinata a Norah Jones, i miti della musicista spagnola rimangono Billie Holiday, in memoria della quale ha scelto di aprire il disco del debutto con «He’s Funny That Way», ed Amy Winehouse, cui abitualmente rende omaggio dal vivo con una sicurezza che tradisce la giovane età. Del resto, Andrea Motis è cresciuta in fretta nei jazz club di Barcellona, cantando in inglese, catalano e portoghese e incantando col suono dello strumento simbolo del jazz, dal quale non si separa da quando aveva sette anni.

Proprio alla presenza di quest’astro nascente della musica mondiale, alla fine del concerto l’associazione La Ghironda terrà le premiazioni del progetto Piano Solo Lab. Per la categoria professionisti è previsto il sorteggio di un buono per noleggio pianoforte grancoda, mentre per la categoria «amatori» verranno premiati Giovanni Pentassuglia, Antonio Conte, Antonella Marangi, Gaia Furio e Mirko Della Rocca, le cui esibizioni hanno ottenuto il maggior numero di like sulla pagina Facebook dell’iniziativa.

Info 080.4301150 www.laghironda.it.

redazione

LASCIA UN COMMENTO