Assalti a bancomat con esplosivo, arresti e in manette anche il capo della banda

0
1657
Carabinieri ispezionano un bancomat, Torino, 29 dicembre 2016. Un dipendente di una ditta di manutenzione dei bancomat approfittava delle riparazioni per arrotondare lo stipendio con 'prelievi' non autorizzati. L'uomo, un italiano di 37 anni, è stato arrestato dai carabinieri per furto aggravato. ANSA / ufficio stampa carabinieri +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

I carabinieri del Comando Provinciale di Bari, supportati da un elicottero dell’6° Elinucleo, hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare (due delle quali in carcere e due ai domiciliari), emesse dal gip del Tribunale di Trani nei confronti di presunti responsabili, in concorso tra loro, di detenzione e occultamento di armi e congegni esplosivi utilizzati per compiere assalti armati ai bancomat delle banche.

A capo della banda – secondo quanto emerso dalle indagini – c’era un pregiudicato del luogo, Vincenzo Di Bisceglie, detto “Marcddin”, che è stato arrestato.
Le misure cautelari scaturiscono da un’indagine avviata nel maggio 2017 dai carabinieri della Compagnia di Andria, a seguito della preoccupante escalation dell’incidenza degli assalti ai bancomat degli istituti di credito, mediante l’esplosione di ordigni rudimentali, realizzati in serie e chiamati, nel lessico criminale, ‘marmotte’.

ansa

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO