Puglia: gelati con alimenti scaduti, sigilli a due tonnellate di materie prime, 17 le denunce

0
990

Semilavorati utilizzati per la produzione di gelati e granite scaduti anche da 10 anni e laboratori privi di autorizzazioni sanitarie: è l’esito dei controlli compiuti da giugno a settembre dai Carabinieri forestali della Puglia in 50 gelaterie. Le ispezioni hanno portato al sequestro di due tonnellate di materie scadute e alla denuncia di 17 artigiani.

  Il gelato, inoltre, secondo i carabinieri, era spacciato per biologico ma così non poteva definirsi o alla Nutella che della crema da spalmare non aveva nulla, oppure ai mirtilli del Trentino che, in realtà provenivano dalla Germania. Le gelaterie controllate sono a Bari, Lecce, Taranto, Andria, Giovinazzo, Corato, Ruvo di Puglia, Bisceglie, Molfetta, Monopoli, Polignano a Mare e Bari-Torre a Mare. Interessata anche una gelateria di Roma con un punto vendita in Puglia.
I controlli sono partiti dopo la morte di una bambina di 16 mesi per un’infezione da Seu, che si sospettava avesse mangiato un gelato prodotto con latte crudo.

ansa

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO