Puglia: reparto chiude, partorisce nel corridoio

0
520
Una veduta esterna dell'ospedale Santa Chiara di Trento. ANSA/JACOPO VALENTI

Una donna alla 34esima settimana di gravidanza si è presentata con le doglie all’ospedale di Casarano, ma è stata respinta – secondo fonti sanitarie – perché non ritenuta un caso urgente, così come previsto dal blocco dei ricoveri imposto dal piano di riordino sanitario: la partoriente, però, non ce l’ha fatta a trattenere il parto e la sua bimba è nata davanti all’uscita del nosocomio. E’ accaduto al ‘Francesco Ferrari’ di Casarano. Protagonista una 26enne già madre di due bambini.

La dottoressa del punto nascita, senza diagnosticare il parto imminente, avrebbe spiegato alla donna che non poteva procedere con i ricoveri se non per le emergenze, a causa della chiusura del reparto prevista per domani, con l’accorpamento all’ospedale di Gallipoli. La partoriente è stata quindi invitata ad andare a ricoverarsi a Tricase. La 26enne ha fatto in tempo a scendere dal primo piano quando, in prossimità del pronto soccorso, si è accorta che il nascituro era praticamente già espulso. Madre e bimba stanno bene.

ansa

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO