“Famiglie e Città: un cammino comune” Notti Sacre 2017 – VIII Edizione

0
502

Si apre con la  Tavola Rotonda e poi tanta musica, dalla narrazione della vita della Madonna “ECCE ANCILLA DOMINI”, al “Salmo 23, op. 14”, di Alexander Zemlinsky, fino  ai  Catulli Carmini di Carl Orff.  Domani, giovedì 28 settembre, a Notti Sacre 2017,  la rassegna di arte, musica, pensiero, preghiera, spettacolo dell’Arcidiocesi di Bari-Bitonto, nelle Chiese di Bari vecchia fino al 1 ottobre.

 

Le città contemporanee sono al servizio della Famiglia? Come si risolve il contrasto tra le regole del mercato e dell’economia con le regole proprie della famiglia: condivisione, fratellanza, solidarietà, amore? Le famiglie non sono troppo isolate a causa dell’assenza di socialità che troppo spesso manifestano le nostre città? Sono le tematiche che saranno al centro della Tavola Rotonda: Famiglie e città: un cammino comune che si terrà  alle ore 17 al Circolo della Vela di Bari (ingresso laterale teatro Margherita). Interverranno Mons. Francesco Cacucci – Arcivescovo di Bari-Bitonto, Nicola Bonerba – Presidente Fondazione Giovanni Paolo II, Antonio Decaro – Sindaco di Bari, Gianfranco Dioguardi – urbanista, Beppe Fragasso – Presidente ANCE Bari e Bat, Franco Lanzolla – Parroco Cattedrale di Bari, Simonetta Lorusso – Presidente Circolo della Vela, Maria Luisa Troisi – giornalista e moderatrice; Vincenzo Santandrea – vice pres. del Forum famiglie Puglia.

Alle ore 20 nell’Auditorium Diocesano Vallisa andrà in scena “ECCE ANCILLA DOMINI”, concerto mariano che narra in musica la vita della Madonna secondo l’anno liturgico della chiesa cattolica, in un susseguirsi di mottetti per coro a 4 voci miste. Quasi tutte le composizioni sono scritte nello stile rinascimentale, alcune di queste composizioni presentano il tema gregoriano, elaborato con diverse tecniche contrappuntistiche. La particolarità di questi brani è sicuramente lo stretto legame tra il testo e la musica mediante l’uso di madrigalismi. Si tratta di composizioni inedite che saranno dirette dagli stessi compositori dei brani.

 Alle ore 21 in Cattedrale di Bari si suonerà “Amor sacro e amor profano” di Alexander Zemlinsky Salmo 23, op. 14 . L’autore, stimato e protagonista nel primo Novecento, si è affermato  per la sua eccezionale competenza tecnica. L’opera mette in evidenza una nostalgica ricerca di serena pace. Il canto si chiude sul versetto “Il Signore è il mio pastore”, quasi mormorato dal coro, che riporta la musica ad uno stupore magico, vagando in un silenzio riposante. A tutt’altra dimensione fa, invece, riferimento la concezione dell’amore rappresentata nei Catulli Carmina di Carl Orff. Questi Ludi Scenici costituiscono la seconda cantata dei Trionfi, il trittico che comprende i celebri Carmina Burana, il Trionfo di Afrodite e, appunto, i Catulli Carmina. Composti fra il 1940 e il 1943 e basati sui testi del poeta romano Catullo e dello stesso Orff nel Praelusio. I Catulli Carmina non conobbero mai un’ampia diffusione di pubblico nella società postbellica; ancora oggi figurano tra le opere meno eseguite di Orff. Il racconto narra la vicenda amorosa tra Catullo e la bellissima ma infedele Lesbia (Clodia). L’esperienza amorosa viene descritta attraverso tre diverse fasi: l’eros e la lascivia, il foedus (il patto d’amore e di fedeltà) e infine il tradimento.

 Notti Sacre 2017 anche quest’anno avrà una sessione dedicata alle Mostre:  

“L’anima dei luoghi dimenticati”, presso il  Museo Civico di Bari, fotografie di Uccio Papa, promossa dal Circolo delle Comunicazioni Sociali “Vito Maurogiovanni” (gli incassi saranno devoluti alla mensa della Caritas di Santa Chiara); “Cattedrale di Bari-725 anni di Storia e Luce”, fotografie  di Michele Cassano, presso la Chiesa S. Teresa dei Maschi; “Via Mare, Via Terra, Via Cielo”, pitture di Maria Pierno, presso l’Auditorium Diocesano Vallisa; “Il Profumo di Dio” in ricordo del XXV anniversario del martirio di don Franco Ricci, a cura di Marco Pesola, presso il Battistero della Cattedrale di Bari.

redazione

 

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO