Omicidio Noemi: : fidanzato non risponde al gip, il giovane in carcere ha chiesto di poter continuare a studiare

0
4106
Carabinieri presidiano l'esterno dell'abitazione di Noemi Durini, la ragazza di 16 anni uccisa dal fidanzato di 17 anni, il cui corpo è stato ritrovato sotto dei massi a Castrignano del Capo, a 30 chilometri da Specchia, il paese dove viveva la ragazza, 13 settembre 2017. ANSA/ CLAUDIO LONGO

Si è avvalso della facoltà di non rispondere nell’interrogatorio di garanzia davanti al gip Lucio, il fidanzato di Noemi Durini, reo confesso dell’omicidio della 16enne di Specchia. Il giovane poi, attraverso il suo curatore speciale, nominato dal Tribunale per i minorenni, avvocato Maurilio Marangio, ha chiesto di poter essere trasferito in una struttura dove possa continuare gli studi.

 

Il ragazzo, che compierà 18 anni il prossimo dicembre, da poco aveva iniziato l’anno scolastico nell’Istituto tecnico Professionale Don Tonino Bello di Alessano, lo stesso dove si era trasferita Noemi. Il giovane si trova in stato di fermo all’interno di una struttura protetta vicino ad un comune dell’hinterland di Lecce. E’ stato messo da solo in stanza e viene sorvegliato. Oggi, a quanto è stato riferito, ha ripreso a mangiare dopo due giorni in cui aveva rifiutato il cibo.

ansa

redazione

LASCIA UN COMMENTO