Giovanni Paisiello Festival: Omaggio a Monteverdi, lunedì 18 settembre con La Vaga Harmonia

0
665

Nel festival che celebra uno dei grandi operisti del Settecento si va alle origini del melodramma. E per i quattrocentocinquanta anni dalla nascita, Claudio Monteverdi diventa protagonista del Giovanni Paisiello Festival, lunedì 18 settembre, alle ore 21, nel chiostro del Mudi. Di scena, per il recital Happy Birthday Monteverdi, l’ensemble La Vaga Harmonia diretto da Fabio Anti, che alle competenze di cantante e strumentista unisce quelle di studioso e organologo della musica antica. Nell’interpretazione vocale del soprano Angela Spinelli, accompagnata da Domenico Nisi (violino), Vincenzo Vitti (violoncello) e da Fabio Anti (spinetta), si ascolteranno musiche di Monteverdi e dei suoi stretti collaboratori Biagio Marini e Dario Castello, pagine revisionate dallo stesso Anti al termine di un lungo lavoro di ricerca pubblicato e distribuito in tutto il mondo.

Nominato maestro di cappella della Basilica di San Marco, a Venezia, nel 1613, Monteverdi richiese l’aumento del numero dei musicisti. Marini vi prestò servizio come violinista dal 1615 al 1618, mentre Dario Castello divenne Musico della Serenissima a San Marco e Capo di Compagnia de Instrumenti.

Nel corso della serata verrà eseguito anche la celebre aria il «Lamento d’Arianna», unica testimonianza dell’opera «L’Arianna», la tragedia in musica composta su libretto di Ottavio Rinuccini che fu rappresentata per la prima volta al Palazzo Ducale di Mantova il 28 maggio 1608 e della quale la partitura è andata perduta.

Il festival, diretto da Lorenzo Mattei per gli Amici della Musica «Arcangelo Speranza», gode del sostegno di Mibac, Regione Puglia, Comune di Taranto, Puglia Promozione e Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e di alcune eccellenze imprenditoriali nazionali e territoriali, Conad, Programma Sviluppo, Caffè Ninfole e Basile Petroli, BCC di San Marzano di San Giuseppe e Confindustria Taranto.

Info e prevendite 099.730.39.72 e www.giovannipaisiellofestival.it.

Ufficio stampa Giovanni Paisiello Festival

redazione

LASCIA UN COMMENTO