Inchiesta Popolare Bari: BpB denuncia ex dirigente

0
650
Banca Popolare di Bari

L’ex dirigente della Banca Popolare di Bari che ha denunciato presunte irregolarità nei bilanci (dando avvio all’indagine a carico dei vertici dell’istituto di credito) e di aver subito maltrattamenti fino al licenziamento, avrebbe chiesto nel giugno scorso alla banca una somma di denaro per evitare la cattiva pubblicità derivante da quelle denunce.

Lo sostiene la BpB che, a “tutela della propria reputazione”, ha dato incarico “ai propri legali di presentare denuncia per tentata estorsione nei confronti” dell’ex dirigente dell’Istituto “a suo tempo licenziato per giusta causa”.
In una lettera, secondo la denuncia, l’ex funzionario proponeva un “accordo diretto” con termine di pochi giorni per la definizione, finalizzato a “prevenire” le conseguenze di “pubblicità negative che a queste controversie si accompagnano”.
“La fermezza della banca – dichiara il legale dell’istituto di credito barese, avv.Francesco Paolo Sisto – conduce ad assumere, rapidamente, ogni iniziativa tesa alla tutela della sua reputazione, ivi compresa, la denuncia per tentata estorsione nei confronti di un dipendente a suo tempo licenziato per giusta causa”. “È solo offensivo, sul piano tecnico – prosegue il legale commentando le notizie di stampa sull’indagine – accostare la vicenda tutta da dimostrare della Banca Popolare di Bari a quelle di altre ex banche, con conclamati problemi giudiziari ben diversi”, riferendosi alle inchiesta su MPS e Banca 121. “Per il resto – conclude Sisto – i fatti in questione non sussistono. Le procedure dell’istituto sono del tutto trasparenti e certificate, con la conseguenza che le accuse formulate sono destinate, inevitabilmente a regredire a mere illazioni”.

ansa

redazione

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO