Festival Internazionale delle Neuroscienze, a Bari da settembre a novembre

0
604

Sarà presentato per la prima volta a Bari, giovedì 20 luglio, presso la sede IKOS AGEFORM in via Andrea Da Bari n. 157, il  FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLE NEUROSCIENZE DEL MEDITERRANEO in programma a Bari nei mesi di settembre, ottobre e novembre 2017. L’evento è organizzato dall’IKOS Scuola di formazione nata nel 1987, specializzata in Strategie di Comunicazione Efficace, Potenziamento personale e Management applicabili in area Psicologica, Sanitaria, Sociale, Aziendale e Sportiva, e dall’ADSUM, Associazione Culturale di Formazione e Promozione, che è  un ente accreditato e qualificato dal MIUR per la formazione dei docenti,  come anche l’IKOS; tutte e due queste realtà sono accreditate alla Regione Puglia.

 

Per gli incontri aperti e gratuiti del FESTIVAL è previsto l’esonero Ministeriale per Docenti di Scuole  di ogni Ordine e Grado secondo D.M. 177/730 del maggio 2001

Neuroscienze, Psicoterapia, medicina, benessere, connessione, empatia, internazionalizzazione, formazione, ricerca, scoperta, curiosità, comunicazione e accompagnamento al nuovo mondo che si offre a noi sono le basi su cui si sviluppa il FESTIVAL e anche le parole chiave del 1° FESTIVAL Internazionale delle Neuroscienze del Mediterraneo che da quest’anno si presenta come prima edizione pronta a duplicare gli incontri negli anni che verranno.

Quattro giorni al mese per i tre mesi a partire da  settembre …. fino a novembre. Incontri importanti, accesi da voci e da nomi di personaggi di fama internazionale, pronte a confrontarsi sulle opportunità offerte dalle scoperte ultime e sulle analisi dei risultati di nuove strategie e tecniche di benessere e guarigione.

Confronti e verifiche a carattere nazionale e internazionale, ragionando sulle sfide che le nuove tecnologie e scoperte propongono, in modo da creare reti capaci di una divulgazione più veloce e concreta.

12 giornate piene e ricche in cui gli operatori pugliesi potranno incontrare personalmente i protagonisti delle ricerche scientifiche più famosi di questi ultimi anni. 

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO