“L’operatore d’ascolto di vittime di violenza”, a Bari un seminario organizzato da IKOS

0
525

Venerdì 7 luglio a Bari,  dalle ore 9.30 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 18.30  presso il palazzo ex provincia, la IKOS organizza un Seminario per affrontare il delicato tema dell’ascolto  a tutela delle donne e dei minori Vittime di Violenza, sempre più spesso schiacciati dalla violenza di chi, più grande e più forte, tenta psicologicamente e fisicamente di abusarne.

 

Il SEMINARIO,  tra i numerosi protagonisti relatori, ha una grande presenza, quella del  Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Puglia, Dott. Ludovico Abbaticchio  appena nominato a sostenere questo compito così pieno di responsabilità. Completamente gratuito e aperto alla cittadinanza, il seminario è  rivolto ad un massimo di 70 destinatari, tanti sono i posti della Sala del Colonnato del palazzo della ex Provincia di Bari. Il percorso seminariale  attribuisce crediti formativi agli avvocati ed un attestato di partecipazione a tutti. Inoltre  vuole offrire ai presenti, volontari/e ed aspiranti volontari/e, e tutti a coloro che vogliono prodigarsi per la mediazione e la pace, gli strumenti di base utili alla creazione di una rete di operatori che abbiano le adeguate conoscenze, motivazioni e capacità di ascolto per accogliere le  richieste di aiuto, e poi proporre e gestire percorsi di recupero per il reinserimento rivolti alle vittime ma anche a coloro che promuovono violenza gratuita. Sta nascendo, quindi  a Bari, all’IKOS, un luogo d’ascolto e di tutela per chi ha bisogno di supporto. Il corso, che seguirà al SEMINARIO, è organizzato in 5 moduli formativi, si svolgerà a partire da settembre ed è suddiviso in aree di attivazione d’attenzione mirata alle diverse competenze. Durante il seminario i temi trattati seguiranno una scaletta che, ad ogni gradino, svilupperà temi quali: lettura delle Comunicazione non verbale,  Prevenzione e conoscenza del fenomeno, intercettazione e individuazione del fenomeno,  presa in carico e reinserimento socio lavorativo delle vittime, nuova consapevolezza per i ‘carnefici’ di turno  se pronti consapevolmente a dare un nuovo senso alla propria vita.

A dibatterli saranno docenti ed operatori del settore di altissimo livello: Prof. Dott. Rosario Polizzi,  Dipart. di Scienze biomediche e oncologia umana UniBa, Prof. Francesco Bellino, Counseling etico, biopedagogico e pratica filosofica /UniBa, Prof.ssa Daniela Poggiolini, Psicologa, Ipnoterapeuta ,  Trainer in PNl t. Presidente IKOS, Dott. Sergio Caruso, Dottore in Psicologia, Criminologo, esperto in  Prevenzione  della violenza, Dott. Paolo Contini, Sociologo / Facoltà Teologica Pugliese, Avv.ssa Mariatiziana Rutigliani, Esperta  in diritto civile, famiglia e diritto degli stranieri, Avv.ssa Maria Grazia d’Ecclesiis, Presidente Naz. dell’Associazione “Sentieri della Legalità“.

La giornata  del 7 luglio a Bari, progettata per trasmettere le informazioni in modo pratico, attraverso le conoscenze adeguate, ha momenti anche teorici di  formazione ad Alto livello culturale e sociale e offrirà, agli aspiranti operatori e operatrici di sportello, ma anche a insegnanti, operatori d’aiuto, psicologi, psicoterapeuti, counselor e coach, dimestichezza nell’impostare  relazioni empatiche, che costituisce la base assoluta della relazione d’aiuto. Nel contempo offrirà una lettura molto precisa della comunicazione verbale simbolica e della comunicazione non verbale e metterà i presenti nelle condizioni di comprendere molto meglio la mappa degli altri, spesso all’opposto della propria. Non mancherà il taglio pratico, con simulazioni su casi reali e tecniche d’ascolto, adottando tecniche e strumenti multimediali e interattivi, e prevedendo inoltre la sperimentazione in situazioni reali, attraverso simulazioni, role-play e osservazione in campo.

Per avere maggiori informazioni è possibile scaricare la scheda d’iscrizione www.pnlt.it  o rivolgersi al Dott.  Marco Magliozzi,  Tutor del Corso  inviando mail a segreteria@ikosageform.it o chiamando l’IKOS AgeForm   al n. 080 5212483  (Daniela Poggiolini) .

di Antonio Carbonara

 

LASCIA UN COMMENTO