Premio scoperta Uomo Altamura a 2 gruppi, contenzioso aperto da 23 anni

0
951

Il Consiglio di Stato ha riconosciuto che il ritrovamento dell’Uomo di Altamura, lo scheletro fossile ominide vissuto circa 150.000 anni fa, è avvenuto grazie al lavoro congiunto dei due gruppi speleologici del CARS (Centro Altamurano Ricerche Speleologiche) e del GSV (Gruppo Speleologico Vespertilio) del Club Alpino Italiano di Bari.

È ai due gruppi, quindi, che spetta il premio di rinvenimento del valore di 450mila euro e non ai singoli speleologi. I giudici amministrativi d’appello hanno così accolto il ricorso del CAI riformando la sentenza del Tar Puglia che un anno fa aveva dato ragione ai singoli soci, i quali dichiaravano di aver partecipato a quella esplorazione a titolo personale e non per conto del gruppo al quale appartenevano. La storia comincia nel settembre ’93, quando il CARS di Altamura invita il CAI-Vespertilio ad esplorare Lamalunga, una grotta scoperta dal gruppo altamurano già 3 anni prima. Qualche giorno dopo alcuni membri del GSV e soci del CARS scendono nella cavità.

di Antonio Carbonara

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO