Immigrato georgiano ucciso: una lite per mancato brindisi

0
600
Salute: ambulanza al pronto soccorso dell'ospedale di Carate Brianza. Foto ANSA/Roberto Ritondale

Sarebbe stato un mancato brindisi ad una cena di compleanno a scatenare il 22 gennaio scorso a Corato una lite tra connazionali georgiani cominciata in un locale e continuata all’esterno con una violenta rissa sfociata nell’uccisione dei Daviti Gvantseladze. Il corpo dell’immigrato georgiano fu trovato riverso su una panchina con un foro da proiettile sotto la scapola sinistra. Per l’uccisione oggi sono stati arrestati due connazionali della vittima.

  Una “vicenda molto oscura all’inizio”, ha detto il procuratore facente funzioni di Trani, Francesco Giannella, che ha ricordato come da principio si pensò ad una morte per cause naturali o per assideramento. L’autopsia chiarì invece che l’uomo era stato ucciso da un proiettile di piccolo calibro.
Le indagini hanno accertato che fu usata una pistola calibro 22, forse a tamburo, mai trovata che Davit Kveliashvili, di 42 anni, e Givi Okropiride, di 41 anni, entrambi incensurati e impiegati in modo saltuario, tenevano a bordo dell’auto con la quale avevano raggiunto il luogo della festa. I due, arrestati con l’accusa di omicidio doloso aggravato dai futili motivi e porto illegale d’arma da fuoco, sono stati identificati grazie alla convergenza di varie fonti di prova: telecamere, ascolto di testi e intercettazioni e dal consistente il traffico telefonico sulle utenze degli indagati la notte dell’omicidio. L’omicidio avvenne attorno alle 2.30 e il corpo fu trovato dalla fidanzata del festeggiato, indagato assieme a un’altra persona per favoreggiamento. Secondo l’autopsia, Gvantseladze morì circa 20 minuti dopo il ferimento avvenuto a distanza ravvicinata.

ansa

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO