L’imprenditoria edile di Capurso al Forum PA Puglia 2017 con Antonio Stolfa

0
2187

Da Capurso all’ imprenditoria che conta, in questi giorni Antonio Stolfa, imprenditore di Capurso  (Gruppo Stolfa Edilizia) ha partecipato al  Forum PA Puglia 2017,  nei giorni  4 e 5 maggio. Grande interesse ha suscitato l’iniziativa dal titolo “Ambienti Smart per una società che cambia: prospettive ed opportunità”.

Un settore che è in questi ultimi tempi in profonda crisi, l’edilizia ha necessità di ripartite con nuovi modelli di costruzioni e maggiore attenzione alle innovazioni  in corso.  Tanti gli impreditori che  hanno partecipato in questi giorni al Forum PA Puglia 2017, tra cui il capursese Antonio Stolfa.

Per “Casa Smart” (www.casasmart.blog) Antonio Stolfa ha rilasciato un’intervista nella quale fornisce  la definizione più opportuna di “ambiente smart”: “occorre un cambiamento culturale e di una rinascita orientati ad un’edilizia sostenibile, soprattutto perchè il ciclo degli organismi edilizi va rigenerato e riqualificato…  Se riusciamo a rendere un edifico davvero intelligente, con tutti i benefici ne conseguono per le persone e per l’ambiente, allora possiamo utilizzare il termine smart”.

Chi acquista, continua Stolfa, “è più attento ai materiali utilizzati e a quanto si può risparmiare in casa, specie in termini energetici. L’organismo <<casa>> come l’organismo <<uomo>>, va considerato con rispetto e cognizione di causa per determinare un ambiente, interno ed esterno, ecocompatibile”.

Un forum che ha fatto emergere le necessità di un cambiamento dell’edilizia, soprattutto considerando la lunga crisi  che ha avuto inizio nel 2008. L’innovazione è per Stolfa uno dei criteri per il rilancio dell’edilizia, anche a partire da quelle zone decentrate di una città,  spesso abbandonate. Costruire nel rispetto dell’ambiente circostante, si parla appunto di ecosostenibilità.

Per Antonio Stolfa, in piena sintonia con il parere dei colleghi, “è necessaria una maggiore spinta per una politica di riqualificazione dell’esistente se si vuole rilanciare il settore delle costruzioni, migliorando la qualità della vita dei cittadini. Gioverebbe soprattutto a coloro che hanno un reddito medio-basso e che subiscono maggiormente i costi energetici. In questa prospettiva dobbiamo lavorare, un percorso lungo che richiede nuove conoscenze e la consapevolezza da parte di tutti noi che è necessario trovare un nuovo modello di sviluppo, attento al benessere e alla tutela dell’ambiente e che la sostenibilità (ambientale, economica, sociale), nell’attuale situazione di grave crisi e difficoltà dei sistemi economici, non è solo una sfida, ma sempre più un’opportunità, un’occasione di sviluppo equilibrato

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO