A Foggia al teatro Giordano in scena la Traviata

0
739

Domani a Foggia, Teatro Giordano, ore 20.30, una tra le più celebri e amate opere di Giuseppe Verdi: La Traviata. Diretta da Vlad Conta, sarà eseguita da una delle principali orchestre di Puglia, l’Orchestra sinfonica di Lecce e del Salento, OLES. La Traviata rientra in “Opera in Puglia”,  la stagione lirica 2017 diretta da Giandomenico Vaccari, con il coordinamento di Maurilio Manca. Promossa dalla Regione Puglia, con il Teatro Pubblico Pugliese, ospiterà in tutta la regione (Lecce, Brindisi, Foggia, Barletta) artisti e direttori d’orchestra pugliesi protagonisti dei cartelloni d’opera nazionali e internazionali.

Importante la collaborazione con la Fondazione Petruzzelli e Teatri di Bari, che mette a disposizione l’intero materiale per l’allestimento de “La Traviata” e i costumi per “Madama Butterfly” (altra opera che verrà rappresentata nelle altre città), e quella con il Conservatorio Tito Schipa di Lecce che, oltre ad aprire l’Aula Magna per le prove d’orchestra, coinvolge, per la prima volta, i giovani strumentisti della classe di “esercitazioni orchestrali” nell’Orchestrina fuori scena de “La Traviata”.

“Opera in Puglia” è finanziata nell’ambito delle “Azioni di Valorizzazione della cultura e della creatività territoriale” a valere sulle risorse FSC Puglia 2014-2020 – Patto per la Puglia, Area di intervento IV “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali”.

“La Traviata”, opera in tre atti di Giuseppe Verdi, è andata in scena per la prima volta al Teatro La Fenice di Venezia il 6 marzo del 1853. È tratta dalla pièce teatrale “La signora delle Camelie” di Alexandre Dumas (figlio). Opera dal soggetto coraggioso e anticonvenzionale, “La Traviata” conclude la famosa “Trilogia popolare” di Verdi che comprende “Il Rigoletto” e “Il Trovatore”.

Il dramma lirico de La Traviata racconta la storia d’amore fra un giovane di onorata famiglia ed una cortigiana di dubbi costumi. I pregiudizi sociali divideranno i due amanti, riuniti dalla verità e dall’amore qualche minuto prima della morte di tisi di Violetta. Due sono i cardini del dramma: amore e morte e intorno a questi s’aggira l’ispirazione del musicista che forse non salì mai tanto in alto nell’esprimere il dolore. La morte è già negli estenuanti accordi con cui si apre il preludio, sembra che Verdi intenda darci, col preludio dell’opera, una sintesi rapida del dramma, e vi riesce mirabilmente.

Biografia Giandomenico Vaccari

Giandomenico Vaccari si è formato nel Teatro Petruzzelli di Bari dove, negli ottanta, è stato coordinatore artistico e responsabile delle attività d’opera. Nel decennio successivo, approdando negli Enti lirici, ora Fondazioni lirico sinfoniche, è stato segretario artistico del Teatro Comunale di Bologna e del Teatro Carlo Felice di Genova e consulente artistico del Valli di Reggio Emilia e poi del Teatro dell’Opera di Roma. La sua prima direzione artistica è stata al Teatro Giuseppe Verdi di Trieste dove approda nel 1998. Nello stesso tempo lavora come direttore artistico al Teatro Verdi di Salerno. Dopo quattro anni nella città giuliana viene nominato direttore artistico del Teatro di San Carlo di Napoli dove rimane fino al 2005 quando assume la sua prima Sovrintendenza tornando al Petruzzelli di Bari. Nel 2013 viene nominato consigliere di amministrazione dell’Apulia Film Commission dove diventa Vicepresidente nel 2016. Nell’estate 2016 è nominato, dalla Regione Puglia, direttore artistico dell’ Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento OLES.

OLES, l’Orchestra sinfonica di Lecce e del Salento

L’orchestra ha ripreso la sua attività nel settembre 2016 grazie all’intervento della Regione Puglia a sostegno della filiera dello spettacolo e rivolto alle attività concertistico-orchestrali delle tre ICO pugliesi. In tre mesi OLES ha eseguito quasi quaranta concerti su tutto il territorio regionale. Ha ospitato direttori d’orchestra e solisti di fama nazionale e internazionale ed è tornata ad esibirsi nella sua casa di sempre, il Teatro Politeama Greco di Lecce, con un concerto lirico sinfonico e l’esecuzione del balletto “La Bella Addormentata”, di Ciaikovsky, in collaborazione con Fredy Franzutti e il Balletto del Sud.

giovedì 13 aprile ore 20.30 – Teatro Giordano di Foggia

“LA TRAVIATA” DI GIUSEPPE VERDI

Opera in tre atti

LIBRETTO DI FRANCESCO MARIA PIAVE

MUSICA DI GIUSEPPE VERDI

Personaggi/Interpreti

Violetta Valery  DIANA TUGUI

Alfredo Germont  GIUSEPPE TOMMASO

Giorgio Germont  IONUT PASCU

Flora Bervoix ANTONELLA COLAIANNI

Marchese D’Obigny DOMENICO COLAIANNI

Gastone RAFFAELE PASTORE

Annina GLORIA GIURGOLA

Il Barone Douphol CARLO PROVENZANO

Il Dottor Grenvil LUCA GALLO

Giuseppe FEDERICO BUTTAZZO

Domestico di Flora/Commissario GIORGIO SCHIPA

___________________________________________

Direttore VLAD CONTA

Regia ALESSIO PIZZECH

Scene e Costumi PIERPAOLO BISLERI

Light designer CLAUDIO SCHMID

Coreografie FREDY FRANZUTTI – Balletto del Sud

____________________________________________

OLES ORCHESTRA SINFONICA DI LECCE E DEL SALENTO

In collaborazione con la Fondazione Petruzzelli e Teatri di Bari

Coro OPERA IN PUGLIA

Maestro del Coro EMANUELA AYMONE

 

INFO:

Teatro Giordano di Foggia. Botteghino: tel. 0881-792908 – BookingShow

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO