Ilva: rinviata al 31 maggio la decisione sul rientro in Italia di 1,3 miliardi di euro

0
609

ll Tribunale Federale di Losanna ha rinviato al 31 maggio prossimo, indicando nell’ordinanza questo termine come tassativo, la decisione sul rientro in Italia di 1,3 miliardi di euro, sequestrati agli ex proprietari dell’Ilva nell’ambito di una inchiesta della procura di Milano e custoditi in sette trust dell’isola del Canale della Manica aperti dalla famiglia Riva. Lo si apprende da fonti giudiziarie. La proroga è legata all’attesa della pronuncia della Royal Court di Jersey.

L’ulteriore proroga, che ora però sarà definitiva, si è resa necessario in quanto la Royal Court del Jersey, a sua volta, ha fissato al 12 maggio la nuova udienza nella quale dovrà esprimersi sullo svincolo del denaro. Solo in seguito a una pronuncia favorevole della Corte di Jersey, il tribunale federale di Losanna potrà rispondere positivamente alla richiesta di assistenza giudiziaria presentata dal tribunale di Milano. Quei soldi sono destinati alla bonifica e alla decontaminazione dello stabilimento Ilva di Taranto.

Ansa

di Antonio Carbonara   

LASCIA UN COMMENTO