All’università di Bari la II edizione di dialoghi “Diculther”

0
634

Si terrà presso il Centro Polifunzionale per gli Studenti – Piazza C. Battisti, il 4 aprile 2017, ore 9.00–13.30, la II edizione I dialoghi “Diculther”, co-creare cultura digitale= educare alla contemporaneità.

 

Programma:

saluto del Magnifico Rettore Prof. Antonio Felice Uricchio,

interverranno:

Sebastiano Leo – Assessore Formazione e Lavoro, Regione Puglia

Loredana Capone – Assessore Industria turistica e culturale, Regione Puglia

Anna Cammalleri – Direttore Ufficio Scolastico Regionale Puglia

Fabio Ciotti – Presidente Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale (AIUCD)

Nicola Barbuti – Università di Bari – Coordinatore Polo Apulian DiCultHer

Vito Roberto Santamato – Delegato per le Spin Off dell’Università di Bari

Anna Paterno – Delegata all’Orientamento in Ingresso dell’Università di Bari

Giuseppina Antonaci – Presidente ITS per l’Industria dell’Ospitalità del Turismo allargato – Lecce

Carmine Marinucci – Segretario Nazionale Scuola a Rete per la Formazione nel Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities DiCultHer

Marco Di Paolo – Polo Molisano DiCultHer

Giovanni Piscolla – Stati Generali dell’Innovazione

I Dialoghi DiCultHer, inauguratisi lo scorso anno, si propongono come spazio di confronto con il territorio sul tema della sfida complessa e di frontiera della cocreazione della Cultura Digitale, nelle sue varie declinazioni, tema presente ormai in tutti i Piani Strategici nazionali e internazionali di primario livello per la crescita sociale, economica e occupazionale dei territori. “I Dialoghi” sono promossi dal Polo Apulian DiCultHer nell’ambito della Settimana delle Culture Digitali “Antonio Ruberti”, indetta dalla Scuola Nazionale e Rete per il Digital Cultural Heritage, Arts and Humanities “DiCultHer”, e si caratterizzano quale appuntamento annuale in cui il Network DiCultHer si connette con le realtà territoriali per confrontarsi con gli stakeholder in un contesto partecipato e fortemente interattivo.

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO