Lecce: nell’aula bunker la deposizione di Rosalba Barba sull’omicidio del marocchino Khalid Lagraidi

0
681

E’ durato circa mezz’ora l’incidente probatorio nell’aula bunker di Lecce per cristallizzare la deposizione di Rosalba Barba, la figlia dell’ex pentito della Scu Marco Barba, accusato dalla giovane di aver sequestrato e ucciso l’ambulante marocchino Khalid Lagraidi, 41 anni, e di averne poi occultato il cadavere in un bidone con cemento e acido.

Proprio su segnalazione della giovane, il cadavere venne ritrovato la notte tra il 29 e il 30 gennaio scorsi nelle campagne di Gallipoli. La giovane ha raccontato di essere andata col padre a Lecce per prendere quel marocchino che lei non conosceva. Una volta arrivati a Gallipoli – racconta la donna – il padre dice alla figlia di fermarsi vicino alla zona del cimitero. I due uomini scendono e si allontanano, mentre lei resta in auto. Quando il padre torna e le dice di seguirlo, lei vede il cadavere. “Mi disse – racconta – che l’aveva strangolato con una corda perché gli aveva rubato un pezzo di ‘fumo’. Poi mi costrinse ad aiutarlo a disfarsi del corpo”.

ansa

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO