Accolto ricorso dal Tribunale Civile di Bari, migrante contro governo per permesso di soggiorno

0
287
Tunisini in coda presso la Questura per il permesso rilasciato dal Governo Italiano, questa mattina 26 aprile 2011 a Genova.Nuova protesta, a Genova, dei migranti tunisini. Dopo quelle dei giorni scorsi davanti al consolato, questa mattina 26 aprile 2011 circa 150 stranieri hanno manifestato davanti alla questura, dove sono in corso le operazioni per la consegna dei permessi di soggiorno temporaneo. ANSA/LUCA ZENNARO

Il Tribunale civile di Bari ha condannato a restituire ad un lavoratore migrante, che aveva fatto ricorso attraverso la Cgil, le tasse pagate dal 2012 al 2015 per ottenere il permesso di soggiorno e per il successivo rinnovo, pari a 440 euro più spese legali. La tassa, di importo variabile fra 80 e 200 euro, era stata introdotta con decreto legge nel 2011.

Il patronato Inca Cgil e la Cgil Nazionale, ritenendola “ingiusta, sproporzionata ed in aperta contraddizione con le finalità di integrazione e di accesso ai diritti previsti dalle norme comunitarie”, avevano presentato ricorso alla Corte di Giustizia europea, che nel settembre 2015 aveva stabilito che la tassa era illegittima. Nell’ottobre scorso anche il Consiglio di Stato ha definitivamente stabilito l’annullamento della tassa che oggi non è più richiesta. La sentenza del tribunale di bari è tra le prime in Italia.

ansa

di Antonio Carbonara

Cantine Di Gioia
Stolfa Edilizia
Fumai Costruzioni
Casa Serena Capurso

LASCIA UN COMMENTO