Teatro in Puglia: tournée di Maria Amelia Monti-Paolo Calabresi e Maurizio Micheli

0
612

Parte giovedì 9 marzo da Putignano (ore 21.00), Teatro Sala Margherita, la tournée di Maria Amelia Monti e Paolo Calabresi con Nudi e crudi una storia di Alan Bennett; tradotta e adattata per la scena da Edoardo Erba; con Nicola Sorrenti e la regia di Serena Sinigaglia.

Nell’ambito delle stagioni di prosa dei Comuni soci del Teatro Pubblico Pugliese, lo spettacolo è previsto venerdì 10 al Teatro Verdi di Martina Franca, sabato 11 al Teatro Spadaro di Massafra e domenica 12 al Paisiello di Lecce (sempre alle 21.00). La storia: Mr e Mrs Ransome sono due archetipi. Un uomo e una donna, un marito e una moglie, una coppia, tipicamente inglese, protestante e conservatrice. Le loro certezze sono le abitudini costruite nel tempo di una vita condivisa. Gli stessi riti, gli stessi meccanismi, la stessa ossessiva cura per l’ordine e la quiete, ogni giorno finché “morte non ci separi”. Cosa può accadere se di colpo i Ransome si ritrovano “nudi e crudi”? Se all’improvviso la situazione in cui precipitano sovverte l’ordine delle cose e li costringe a cambiare i riti tanto cari? Ce la faranno? Sapranno adattarsi? Soccomberanno? Sembra lo scherzo di un Dio cinico e beffardo che si diverte a mostrarci quanto le vite che con ostinazione e impegno ci costruiamo siano solo dei teatrini per sopravvivere al caos, narrazioni piuttosto irrisorie di una realtà ben più complessa e di impulsi ben più libertari che semplicemente non sappiamo gestire e allora reprimiamo. La vita è tutta nel cambiamento, nel movimento imprevisto, in quella vertigine che ti dà il vuoto.

E domani giovedì 9 parte anche la tournée de Il più brutto week end della mia vita, per la regia Maurizio Micheli con Maurizio Micheli, Benedicta Boccoli, Nini Salerno, Antonella Elia. Una commedia sull’amore e su altri sentimenti. I quattro protagonisti dello spettacolo non si vogliono bene, non si stimano anzi si detestano e nutrono ognuno nei confronti degli altri una forma di intolleranza e di insofferenza a stento trattenute. Credono di innamorarsi ma non si innamorano, credono di divertirsi ma si annoiano, provano a cambiar vita ma non ci riescono. In realtà nessuno ama chi crede di amare e senza rendersene conto vivono una vita dominata da un’unica irrefrenabile passione: quella per sé stessi. Domani, giovedì 9, a Canosa, Teatro Comunale, venerdì 10 a Conversano, Teatro Norba, sabato 11 a Bitonto, Teatro Traetta, e domenica 12 a San Severo, Teatro Verdi. Ore 21.00.

di Maria Cristina Consiglio

LASCIA UN COMMENTO