Ruvo di Puglia: “Nel mare ci sono i coccodrilli”, spettacolo teatrale per la rassegna Attraversamenti

0
938

Sarà una storia di viaggio e immigrazione a inaugurare la prima edizione di ATTRAVERSAMENTI (Evoluzioni a teatro), la rassegna teatrale e culturale dedicata ai diritti civili ideata dall’Assessorato comunale alla Cultura e alla Pubblica Istruzione e realizzata in collaborazione con il Teatro Comunale di Ruvo di Puglia/ Associazione Tra il dire e il fare.

Venerdì 3 marzo, alle 20.30 al Teatro Comunale, in via Sandro Pertini a Ruvo, in scena Nel mare ci sono i coccodrilli, Spettacolo teatrale da una storia vera di Enaiatollah Akbari , Tratto dall’omonimo libro di Fabio Geda, Adattamento a cura di Fabio Geda e Christian Di Domenico, Di e con Christian Di Domenico-

Lo spettacolo: la storia di Enaiatollah, fuggito dall’Afghanistan, è una magnifica parabola che rappresenta uno dei drammi contemporanei più toccanti: le migrazioni di milioni di individui in fuga da territori devastati dalle guerre, in cerca di un miraggio di libertà e di pace. Un viaggio il suo, in posizione fetale, stipato in pochi centimetri, nella pancia di un camion dentro un mare di letame. Un mare in salita, che unisce e che separa, che è liquido amniotico, che nutre, ma in cui si può annegare.

Una sola sedia in scena basta per raccontare il peregrinare di un bambino, costretto a barattare la propria innocenza con la sopravvivenza, senza però mai vendere la propria onestà. Nel viaggio il bambino diventa uomo portando sempre in tasca le parole di suo padre e le promesse fatte a sua madre. Poi finalmente arriva, si ferma. Ritorna a essere un po’ bambino, di nuovo figlio, nostro, del mondo, del tutto. Perché basta che due si vogliano bene per raggiungere l’assoluto. Nel mare ci sono i coccodrilli, non è solo uno spettacolo ma un incontro, una stretta di mano tra noi e la nostra umanità.

Christian Di Domenico: Attore e pedagogo abilitato all’insegnamento della metodologia teatrale del Maestro Jurij Alschitz. Dopo il diploma d’Attore conseguito presso la Scuola di Teatro di Bologna, prosegue gli studi presso la Civica Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano. Dal 1997 al 1999 frequenta quindi la “Scuola dopo il Teatro”, diretta da Jurij Alschitz. Ha lavorato in qualità di attore in teatro con Gianpiero Borgia, Jerzy Sthur, Gabriele Vacis, Elio De Capitani, Marco Baliani, Carlo Bruni, Mariano Dammacco. Al cinema ha lavorato con Giuseppe Bertolucci, Antonio Albanese e Giuseppe Battiston. Ha partecipato a Festival internazionali come: Il Festival dei Due Mondi di Spoleto, il Festival Castel dei Mondi di Andria, Mittelfest, Fringe Festival of Edinburgh. È autore, regista e interprete dello spettacolo “U Parrinu. La mia storia con Padre Pino Puglisi ucciso dalla mafia”, giunto a più di 200 repliche in tutta Italia ancora in tourneè.

BIGLIETTERIA: Teatro Comunale (mer/gio dalle 18:00 alle 20:00). Tabaccheria Lobosco (Piazza Bovio, 41). Per informazioni: 080/3603114,info@teatrocomunaleruvo.it – www.teatrocomulareruvo.it

Su face book: https://www.facebook.com/events/1863476363924916/

La rassegna teatrale e culturale ATTRAVERSAMENTI prosegue con i seguenti appuntamenti:

Venerdì 10 marzo, ore 18.00, Sala conferenza Pinacoteca Comunale, e sabato 11 marzo, ore 11.00, Liceo Scientifico Orazio Tedone, inaugurazione della mostra: I segni addosso Storie di ordinaria tortura con le illustrazioni del romanzo a fumetti sul tema della tortura dal regime fascista fino ad oggi.

Scritto da Andrea Antonazzo da un’idea di Renato Sasdelli e illustrato da Elena Guidolin (ed. BeccoGiallo). La serata del 10 sarà introdotta dal professor Michele Lotito.

Venerdì 17 marzo, ore 18.00, “Casa della Cultura – Palazzo Caputi”; presentazione del libro: “Morire come schiavi La storia di Paola Clemente nell’inferno del caporalato”, di Enrica Simonetti, giornalista. Con Dino Mangialardi [Amnesty International Bari] e Valeria Simone [associazione Acasa].

Venerdì 24 marzo, ore 20,30, Teatro Comunale: “Paradise” – spettacolo teatrale di Valeria Simone. Regia di Marialuisa Longo, Associazione Acasa.

Venerdì 31 marzo, ore 20,30, Teatro Comunale: “Rita” – di e con Raffaella Giancipoli, Kuziba Teatro.

di Antonio Carbonara

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO