Bari: premiata oggi a Palazzo di città l’atleta paraolimpica Nicole Orlano

0
561

Questa mattina l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano e il consigliere comunale Giuseppe Muolo hanno incontrato a Palazzo di Città Nicole Orlando, atleta paralimpica pluripremiata ai campionati mondiali di atletica del 2015 in Sud Africa.

All’incontro sono intervenuti Maria Gabriella De Napoli, presidente AIPD – Associazione Italiana Persone Down – Sezione di Bari, Grazia Liddi, coordinatrice sezione AIPD Puglia, Francesco Manfredi delegato CIP – Comitato italiano paralimpico Bari, Giuseppe Pinto, presidente CIP Puglia, Floriana de Vivo, presidente FIS DIR – Federazione italiana sport disabilità intellettiva relazionale) Puglia e Marco Livrea, consigliere del sindaco incaricato alle politiche di tutela del diritto dell’accessibilità urbana.

L’assessora Romano ha consegnato nelle mani dell’atleta una targa come riconoscimento da parte di tutta la città, per la sua esperienza e per l’esempio che questa può rappresentare per tanti ragazzi che vogliono cimentarsi con lo sport: “Nicola Orlando è la testimonianza che deve insegnare che nonostante le difficoltà si possono raggiungere traguardi importanti e realizzare i propri sogni. L’esempio di Nicola è valido, non solo per i ragazzi affetti da disabilità, ma deve essere valido per tutti i ragazzi che vivono nella vita delle difficoltà e non per questo devono scoraggiarsi, anzi devono continuare a lottare e vincere”.
Giuseppe Muolo continua: “È stato bellissimo vedere l’entusiasmo che il racconto di Nicole ha suscitato nei ragazzi del liceo Socrate che stamattina l’hanno incontrata. La forza, il coraggio e la passione di Nicole sono le caratteristiche che più impressionano e ci fanno incoraggiare a seguire il suo esempio”. L’iniziativa è organizzata da AIPD Bari e CIP Puglia per condividere l’esperienza di vita di un’atleta con sindrome di Down in grado di testimoniare, con il suo esempio, quanto sia importante la forza di volontà nel perseguire i propri sogni.

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO