XIX Congresso FISASCAT Cisl Bari

0
867

Scenario globale ed europeo, congiuntura italiana, formazione, disoccupazione giovanile, problema occupazione donne, nuovo sistema di relazioni sindacali e modello contrattuale – accordo interconfederale Confcommercio e Cgil, Cisl, Uil e stato delle trattative di rinnovo dei contratti nazionali di lavoro nel terziario privato sono stati i temi che hanno animato il dibattito del  XIX Congresso Territoriale Fisascat CISL Bari, la federazione sindacale del commercio, turismo e servizi aderente alla Cisl, svoltosi a Bari.

Sono intervenuti Giuseppe Boccuzzi,  Segretario generale UST CISL Bari, Pierangelo Raineri ,Segretario generale FISASCAT CISL Nazionale, Vincenzo Riglietta,  Segretario Generale FISASCAT CISL Puglia.

La relazione iniziale di Maria Ruta Segretario Generale FISASCAT CISL Bari, ha focalizzato i temi più scottanti. La crisi economica iniziata dal 2008 – ha detto la Segretaria Generale – ancora oggi manifesta i suoi effetti. Nei paesi europei vi è ancora una fase recessiva. Il predominio dei poteri finanziari crea gravi problemi tra le aree economiche, effetti sul mercato del lavoro, distorsioni del sistema retributivo. C’è il trionfo dell’individualismo ed il declino dello spirito solidaristico, cresce la difficoltà ad impegnarsi in azioni collettive, si erode la fiducia nel ruolo dei grandi soggetti sociali e nel valore della stessa partecipazione alla vita democratica. La disoccupazione giovanile in Italia è oramai a livelli inaccettabili. Sono due milioni i giovani che non lavorano e non studiano e, un quinto dei ragazzi italiani non finisce il percorso scolastico quindi, l’emergenza giovani va posta come priorità assoluta del Paese. La disoccupazione giovanile è un’emergenza nazionale. Il costo per lo Stato per formare gli italiani che sono emigrati dal 2008 al 2014 è stato di 23 miliardi di euro. Sono soldi regalati ad altre nazioni. Una perdita enorme. Fuga di cervelli che di contro potrebbe costituire un grande patrimonio per le nostre aziende e per il nostro Paese. Occorre andare incontro alle donne che, ancora oggi sono l’anello più debole. La responsabilità e la consapevolezza che caratterizzano il nostro essere Cisl ci impongono una riflessione profonda e concreta su quali strumenti dare alla nostra organizzazione al fine di rappresentare al massimo ogni componente del mondo femminile, superando e facendo superare remore culturali e/o sociali. Molto ancora per le donne resta da fare. Il perdurare della congiuntura di crisi economica di fatto ha ridimensionato la centralità del tema delle pari opportunità, c’è stata una battuta di arresto dell’occupazione femminile e delle parità tra lavoratori e lavoratrici. L’accesso delle donne al mercato del lavoro è ancora oggi faticoso, ci sono ancora molti ostacoli di carattere non solo economico familiare ma anche culturale. Il part time è in aumento tra le donne non come opportunità di flessibilità per conciliare famiglia – lavoro ma, come condizione involontaria ovvero come discriminazione che spesso si ripercuote sulla carriera delle donne e sul loro futuro. E’ fondamentale dare vita ad un paese a misura di uomini e donne, creando una forte alleanza nella società italiana. “Come sindacato –ha concluso Maria Ruta – abbiamo il compito di comprendere la crisi, comprendere gli scenari che abbiamo di fronte anche a lungo termine, renderci conto delle variabili di contesto per dare efficacia alle strategie e raggiungere obiettivi nei quali esprimere e concretizzare la rappresentanza del lavoro.

 “Il nostro compito quindi – conclude la segretaria generale Fisascat Cisl Bari   è quello di:

 

  • SOSTENERE L’OCCUPAZIONE mediante la contrattazione. Promuovere lo sviluppo qualitativo e quantitativo dell’occupazione, stabilizzare i rapporti di lavoro e consentire la conciliazione dei tempi di vita con quelli di lavoro.

 

  • RAFFORZARE LE RELAZIONI SINDACALI al fine di ottenere maggiori spazi negoziali ed al fine di raggiungere accordi collettivi.

 

  • RINNOVARE I CONTRATTI NAZIONALI DI LAVORO ED ACCRESCERE LA CONTRATTAZIONE DI SECONDO LIVELLO.”

Nel pomeriggio invece si è proceduto all’elezione del Consiglio Generale FISASCAT CISLBARI, l’elezione dei delegati al congresso regionale FISASCAT CISL, l’elezione dei delegati al congresso UST CISL BARI, l’elezione del Segretario Generale Fisascat Cisl Bari e della Segreteria.

di Antonio Carbonara

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO