A Ruvo la rassegna “Evoluzioni Libri”, primo appuntamento con l’autore Giacomo Mazzariol

0
604

Torna anche per il mese di febbraio la rassegna letteraria “Evoluzioni Libri” organizzata periodicamente dallo scorso settembre dall’Assessorato comunale alla cultura di Ruvo di Puglia, che questa volta incrocia un percorso sui temi della disabilità e dell’inclusione progettato e realizzato dal Teatro Comunale.

Primo appuntamento martedì 7 febbraio alle ore 17.30 con l’autore Giacomo Mazzariol e il suo“Mio fratello rincorre i dinosauri” (Einaudi editore, 2016). L’autore dialogherà con con lo scrittore e giornalista pugliese Giancarlo Visitilli.

Introduce l’Assessora alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, Monica Filograno.

Il libro è un romanzo di formazione in cui l’autore racconta la sua vita accanto al fratello Giovanni, un bambino con sindrome di Down. Dal rifiuto iniziale alla vergogna fino all’affetto e all’amicizia dopo gli anni dell’adolescenza. Alcune pagine del libro saranno lette da giovani allievi del gruppo Bembe’ Scuola delle arti musicali e performative.

L’appuntamento è in teatro, in via Pertini. Ingresso libero.

Prossimi appuntamenti:

Sabato 11 e domenica 12 febbraio invece il Teatro comunale di Ruvo di Puglia presenta “IO SONO…BIUTIFOOL! Disabilità arte e rete sociale”: due giorni dedicati alla condivisione delle buone pratiche di integrazione tra teatro, laboratori, racconti e confronto tra gli operatori e gli artisti del panorama nazionale e internazionale. Si tratta di un progetto realizzato dall’associazione culturale Tra il dire e il fare/ compagnia La luna nel letto in collaborazione con il Comune di Ruvo, la compagnia La luna nel pozzo di Ostuni- Progetto INCONTRA, e il Centro disabili L’albero dei desideri di Ruvo di Puglia. Informazioni 0803603114.

Evoluzioni Libri prosegue giovedì 16 febbraio alle ore 17.30 presso la Pinacoteca Comunale, con la presentazione del libro “Il mio Afghanistan”, di Gholam Najafi (edizioni la meridiana 2016). Informazioni sulla pagine fb Evoluzioni.ruvo oppure al numero della biblioteca 080 3611513.

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO