Lecce: Migrante del Camerun trova suo figlio dopo anni

0
461
Una immagine relativa alle attività di soccorso, condotte il 22 ottobre 2016 nel Mediterraneo Centrale dalle motovedette della Guardia costiera di Lampedusa. ANSA / US GUARDIA COSTIERA +++ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING+++

Era arrivata in Italia clandestinamente dal Camerun otto anni fa viaggiando da sola e lasciando suo figlio a casa. Temeva di non poterlo riabbracciare più ma ora, grazie a un connazionale che le ha detto di averlo visto durante uno sbarco a Lampedusa, all’aiuto della Cgil e all’impegno di diverse questure, lo ha ritrovato.

Si è sviluppata sull’asse Bergamo-Lecce questa storia a lieto fine. La donna da tempo risiede a Bergamo ha ritrovato la speranza di abbracciare suo figlio, ora 23enne, qualche giorno fa quando un connazionale le aveva rivelato di averlo visto durante uno sbarco a Lampedusa. Ha scritto alla Cgil di Bergamo che ha attivato la questura che ha a sua volta diramato la richiesta a tutti gli uffici territoriali. E stata la Questura di Lecce ad accorgersi della presenza in zona del giovane, ospitato dal 15 dicembre scorso in un centro per richiedenti asilo della provincia. Madre e figlio sono stati subito messi in contatto e si sta procedendo per il ricongiungimento familiare.

Fonte Ansa

di Maria Cristina Consiglio

LASCIA UN COMMENTO