Marco Baliani e Lella Costa domani a Manfredonia e sabato a Cerignola con lo spettacolo HUMAN

0
626

Marco Baliani e Lella Costa presentano in Puglia lo spettacolo HUMAN , regia di Marco Baliani, venerdì 6 gennaio alle ore 21.00 Teatro Comunale di Manfredonia e sabato 7 gennaio alle ore 21.00 al Teatro Comunale S. Mercadante di Cerignola (per informazioni www.teatropubblicopugliese.it).

«D’armi io canto e dell’eroe che, primo, dalle coste di Troia venne all’Italia, profugo per suo destino». La prima ispirazione è stata l’Eneide, il poema di Virgilio che celebra la nascita dell’impero romano da un popolo di profughi. Marco Baliani è partito dal mito per interrogarsi e interrogarci sul senso profondo del migrare. Poi l’incontro con Lella Costa e la reminescenza di un altro mito, ancora più folgorante nella sua valenza simbolica e profetica: Ero e Leandro, i due amanti che vivevano sulle rive opposte dell’Ellesponto. Prende avvio così HUMAN , dal tema delle migrazioni e dalla volontà di raccontarne l'<odissea ribaltata>. Ma nel suo farsi vira, incalzato dagli eventi: al centro si pone lo spaesamento comune, quell’andare incerto di tutti quanti gli human beings in questo tempo fuori squadra. Lo spettacolo Human è costruito sul tema dello sguardo verso l’Altro. Umano  è il corpo  nella sua integrità fisica e psichica, nella sua individualità. Quando questa integrità viene soppressa, o annullata con la violenza, si precipita nel disumano. Umani sono i sentimenti, le emozioni, le idee, le relazioni, i diritti. HUMAN di Marco Baliani e Lella Costa,  Mismaonda – Sardegna Teatro in collaborazione con Marche Teatro collaborazione alla drammaturgia di Ilenia Carrone con Marco Baliani e Lella Costa  e con David Marzi, Noemi Medas, Elisa Pistis, Luigi Pusceddumusiche originali di Paolo Fresu con Gianluca Petrellascene e costumi di Antonio Marras scenografo associato Marco Velli costumista associato Gianluca Sbicca  disegno luci di Loïc Francois Hamelin e Tommaso Contuassistenti alla produzione Agnese Fois e Leonardo Tomasiregia di Marco Baliani.

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO