L’istrionismo della Rimbamband allarga i consensi e le date

0
750

Altre tappe per il tour Note da Oscar “Reloaded” della Rimbamband, ancora il ascesa il percorso della band pugliese che allarga il consenso del pubblico in Italia e in Puglia. Dopo i tre sold out natalizi,  la Rimbamband fa il suo ritorno a teatro a Bari,  a seguito della enorme richiesta di biglietti: gli appuntamenti di gennaio, al Teatro Palazzo, (Corso Sonnino 142/d) sono il 5 e il 7 (alle 21), il 6 e l’8 (alle 18).

Raffaello Tullo (voce, percussioni), Renato Ciardo (batteria), Vittorio Bruno (contrabbasso), Nicolò Pantaleo (sax) e Francesco Pagliarulo (pianoforte).  Un gruppo di giovani talentuosi e  poliedrici.  Note da Oscar “Reloaded” porta il cinema sul palcoscenico, nel ricordo delle colonne sonore di film,  cartoon, giallo e  commedia, ma non in modo serio ma in una logica di comicità. Trova posto nello spettacolo anche l’improvvisazione, fuori da ogni copione, il pubblico è spesso coinvolto nelle sortite degli artisti.

La baresità  è in particolare valorizzata da Renato Ciardo, figlio del noto Gianni. Renato  è a tratti incontrollabile, artisticamente si intende.  Ironia anche sull’aspetto fisico,  tra la testa pelata di Raffaello Tullo che guida lo spettacolo e  il testone capelluto del bassista Vittorio Bruno. Due teste davvero speciali,  metaforicamente “cilindri magici” dai quali escono le cose più stravaganti.

Nicolò Pantaleo (sax) e Francesco Pagliarulo (pianoforte) si aggiungono al gruppo con le loro particolari stranezze, gli strumenti nelle loro mani sembrano a tratti “altro”  rispetto alle loro funzioni.

Divertimento assicurato per Note da Oscar “Reloaded”, da registrare la precedente esperienza delle sei puntate di “Rimbanews” con le migliaia di visualizzazioni sui social.

Lo spettacolo è scritto da Raffaello Tullo, con la regia di Paolo Nani, tra i più grandi registi e attori odierni del teatro italiano. Direzione tecnica di Claudio Carulli, distribuzione a cura di Bags Entertainment.

Infotel: 351.226.10.88.

di Antonio Carbonara

 

LASCIA UN COMMENTO