Festival Anima Mea: viaggio sonoro da Miles Davis a Giovanni Sollima con l’Alkemia Quartet

0
862

Musiche trasversali, da Miles Davis sino a Giovanni Sollima e al suo «Viaggio in Italia». È la chimica sonora dell’Alkemia Quartet, ensemble “non classico” ispirato da Jeremy Cohen, primo violino del Quartet di San Francisco, e composto da Pantaleo Gadaleta (violino primo), Marcello De Francesco (violino secondo), Alfonso Mastrapasqua (viola) e Giovanni Astorino (violoncello). La formazione suona per Anima Mea, il festival diretto da Gioacchino De Padova nella rete Orfeo Futuro, mercoledì 14 dicembre nella Biblioteca Santa Teresa dei Maschi, a Bari, e venerdì 16 dicembre nella Chiesa di Sant’Antonio, a Polignano a Mare. Inizio concerti ore 20.30, ingresso libero sino ad esaurimenti dei posti (info www.animamea.it 334.2913041).

Oltre ad estratti da «Viaggio in Italia» di Sollima («Sonnets et Rondeaux», «Federico II» e Isola Ferdinandea») e a «Blue in Green» di Davis riletto da Gadaleta, il programma prevede «Stolen Moments» di Oliver Nelson nell’arrangiamento di David Balakrishnan e due pezzi di Danny Seidenberg, «Texas Rain» e «Snow What?». La fusione delle diverse esperienze musicali dei componenti (dall’ambito classico al jazz, dalle colonne sonore al pop, dal blues al rock), unitamente all’immediato affiatamento degli stessi componenti, ha fatto sì che il nome Alkèmia sintetizzasse la natura e lo spirito che sottende al repertorio ed al modus operandi di questo «strings quartet», che a maggio del 2016 ha effettuato i primi elettrizzanti concerti con lo stesso Jeremy Cohen in previsione di un cd. E un altro lavoro discografico in itinere è l’integrale delle musiche per quartetto d’archi di Giovanni Sollima, compositore che per natura ed estetica ispira i quattro musicisti unitamente alle star del jazz più acclamate, nonché ai grandi compositori che hanno scritto per questo tipo di formazione, in una continua ricerca alchemica della panacea musicale.

di Antonio Carbonara

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO