A rischio lo sviluppo mentale dei bambini di Taranto – lo studio dell’Istituto Superiore di Sanità

0
608
Panoramica dello stabilimento Ilva di Taranto in una foto d'archivio. ANSA/UFFICIO STAMPA ILVA +++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY +++

Lo studio dell’Istituto superiore della Sanità ha dimostrato che “i metalli pesanti inducono un ritardo dello sviluppo mentale dei bambini di Taranto e questo è un fatto gravissimo. E’ una notizia di una gravità senza precedenti. Ovviamente lo studio registra che quando la fabbrica (l’Ilva, ndr) abbassa i livelli di produzione, come nel 2015 e nel 2016, i dati sull’inquinamento sono inesistenti o molto bassi”.

Lo afferma il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha partecipato al convegno dell’Iss, a Roma, su ‘Studi di biomonitoraggio e tossicità degli inquinanti presenti nel territorio di Taranto’.

    “I disturbi osservati – è scritto nello studio, che ritiene gli stessi in linea con la media mondiale – sono maggiormente evidenti nelle aree in prossimità delle emissioni industriali considerate ed in funzione inversa rispetto alla distanza dalle sorgenti, calcolata in riferimento ai camini di emissione dell’ILVA, nelle cui adiacenze insistono anche una raffineria ed un cementificio”.

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO