Il teatro nel Carcere Minorile di Bari

0
920

I Teatri di Bari e il Teatro Kismet, con CasaTeatro, presentano al pubblico l’unico e ultimo evento per questa stagione presso la Sala Prove dell’Istituto Penale per i Minorenni “N.Fornelli” di Bari: A che punto è la notte, per la regia di Lello Tedeschi in collaborazione con Piera Del Giudice (anche in scena), sarà in programma lunedì 12, martedì 13 e mercoledì 14 dicembre alle 20.30 (prenotazione obbligatoria via mail a botteghino@teatrokismet.it o telefonicamente allo 080.579.76.67, entro venerdì 9 dicembre).

Frutto del percorso di laboratorio con i detenuti condotto da Tedeschi, lo spettacolo porta sul palco quindi i giovani Andrea Bonfilio, Cosimo Cassano e Vincenzo Lobascio, impegnati a cimentarsi con la rilettura di uno dei drammi simbolo della produzione scespiriana.

Macbeth è un viaggio denso e allucinatorio alle radici del bene e del male, tra le pulsioni più intime e profonde dell’animo umano. Pulsioni che si abbattono come una scure tra i protagonisti della storia. Storia di assassini, sangue, streghe, fantasmi e sensi di colpa. E d’amore, grande. È una vicenda oscura e notturna da cui abbiamo distillato immagini e parole immergendole nella rappresentazione della violenza e nella “guapperia” dei giorni nostri. Una rappresentazione che smarrisce la linearità del racconto per ritrovare il protagonista in una sorta di incubo allucinatorio, corpo a corpo con se stesso e i propri terribili atti, a ritrovarsi e ripensarsi, solo, tra le rovine della propria tragica esistenza. E le streghe, il Re, il suo amico Banquo, la sua amatissima compagna riaffiorano come visioni ironiche e straniate davanti ai suoi occhi, sino a mettere in parodia i suoi desideri di potere e mostrare la dannata vanità dei suoi gesti sanguinosi. Fino alla manifestazione luminosa e consapevole della fragile consistenza dell’ambizione umana” (Lello Tedeschi).

di Antonio Carbonara

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO