Enrico Baiano a Bari per la rassegna Anima Mea

0
795

A Bach, e al suo sommo capolavoro, il «Clavicembalo ben temperato», con un’ampia selezione di Preludi e Fughe, è dedicato il concerto del festival Anima Mea, diretto da Gioacchino De Padova nella rete Orfeo Futuro, in programma lunedì 5 dicembre (ore 20.30) nella Sala Consiliare della Città Metropolitana di Bari (info www.animamea.it (+39) 328 6677282). Protagonista Enrico Baiano, uno dei più completi ed interessanti interpreti sulla scena della musica antica, chiamato a mostrare la duttilità di queste composizioni, scritte in realtà per Klavier, dunque più in generale per “tastiera”. Pertanto Baiano si alternerà al clavicembalo, al clavicordo e al fortepiano, strumenti costruiti partendo da esemplari storici che sono anche al centro di una masterclass di prassi esecutiva che il musicista sta tenendo a Bari sempre per Anima Mea.

Il «Wohltemperierte Klavier» è conosciuto in italiano come Clavicembalo ben temperato. In realtà la traduzione esatta è «Tastiera ben temperata». Bach, infatti, scrisse questi Preludi e Fughe in tutte le tonalità pensando soprattutto al clavicembalo, ma è evidente che quel “Klavier” apra le porte ad esecuzioni su ogni strumento a tastiera. Ed è per questo che Baiano, noto nel mondo della «early music» per il suo approccio interpretativo nel quale si combinano sapientemente rigore storico-stilistico, libertà espressiva e grande virtuosismo, si alterna ai tre strumenti.

Il titolo «Clavicembalo ben temperato» deriva dal proposito che Bach si prefiggeva di mostrare i vantaggi del “temperamento equabile”, cioè dell’accorgimento che sostituisce al sistema musicale pitagorico per quinte naturali, un sistema in cui l’ottava risulta divisa in dodici semitoni uguali. Il primo libro fu completato nel 1722 durante il periodo di Köthen, come precisa l’autografo conservato nella Deutsche Staatsbibliothek di Berlino. E Baiano ne esegue alcuni estratti con la sua non comune capacità di sfruttare le risorse timbriche ed espressive dei vari strumenti, abilità che permette al musicista napoletano di realizzare crescendo, diminuendo, cantabilità ed effetti orchestrali rendendo ogni concerto un evento.

Alle ore 19.30 visita guidata al luogo del concerto su prenotazione. Info www.animamea.it (+39) 328 6677282. Biglietti euro 5. Botteghino luogo e giorno del concerto a partire dalle ore 18.30.

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO