Bari: manutenzione rete fognaria, presentati i progetti di Aqp per eliminare sversamenti a mare

0
835

Questa mattina l’Acquedotto pugliese ha presentato al sindaco Antonio Decaro e all’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso i progetti di manutenzione straordinaria sulla rete fognaria di Bari finalizzati ad eliminare le interferenze di fognatura nera con le condotte Picone e Matteotti, all’altezza dell’estramurale Capruzzi e a limitare così la quantità di inquinanti negli sversamenti a mare che si verificano in occasione di precipitazioni abbondanti.

Nello specifico i tecnici dell’Aqp hanno presento un primo progetto già in fase di gara, i cui lavori partiranno a febbraio 2017 per proseguire fino alla fine dell’anno, e che interesserà circa 2000 pozzetti nei quartieri Picone, Carrassi, Madonella e Japigia, oltre a diversi punti in corrispondenza dell’estramurale Capruzzi.

Questo progetto prevede la riduzione degli sversamenti della fogna nera nei canali Picone e Matteotti, al momento recettori di fogna mista (bianca e nera), ristabilendo così il corretto percorso separato di alcuni tratti significativi delle due reti fognarie di bianca e nera. Le interferenze che verranno eliminate sono quelle dovute alla rottura dei setti di separazione all’interno dei pozzetti di fognatura mista che creano così una commistione continua tra i due sistemi, anche in assenza di precipitazioni piovose. L’importo dei lavori, già finanziati e appaltati è di circa 2,2 milioni di euro a carico dell’Acquedotto pugliese.

Il secondo progetto illustrato oggi riguarda invece la realizzazione di un nuovo canale “collettore” di fognatura nera su via Capruzzi, parallelo agli attuali, che sarà eseguito a un livello sottostante rispetto alle tubature esistenti, raggiungendo profondità variabili da 4 a 8 metri sotto il livello stradale, e servirà a raccogliere tutta la fogna nera proveniente da Carrassi e Picone per trasportarla fino a un nuovo impianto di sollevamento da realizzarsi in un’area già individuata nei pressi di via Oberdan. Da questo impianto, a sua volta, partirà una nuova condotta in pressione diretta all’impianto di Torre del Diavolo, in via Gentile, che permetterà di utilizzare un tratto di condotta già esistente, ma mai entrata in esercizio, lungo via Peucetia. Questo progetto, che Aqp prevede di completare con tutte le autorizzazioni e i diversi livelli di progettazione e procedure di appalto entro il 2017, avrà un importo complessivo stimato in oltre 20 milioni di euro e consentirà di eliminare completamente gli afflussi di fogna nera nelle condotte Picone e Matteotti, risolvendo definitivamente il problema di sversamenti di fognatura nera in mare e i ben noti problemi che questo comporta sulle spiagge di Pane e Pomodoro.

La durata prevista di questi imponenti lavori di fognatura nera è stimata in circa tre anni.

di Antonio Carbonara

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO