Autoimprenditorialità e investimenti in Puglia -incontro organizzato dall’ Università eCampus di Bari

0
558

Nuovi Imprenditori, professionisti, studenti ed esperti del settore del credito si sono confrontati sui temi dell’accesso al credito per le imprese del territorio che hanno necessità di finanziamenti immediati per aprire la propria attività imprenditoriale o per quanti vogliano investire sul futuro del Paese. L’incontro è stato organizzato dall’ Università eCampus di Bari.

e-campus-3

Un incontro sul futuro della Puglia in termini di sviluppo economico e di investmenti. Michele Desario,  vice presidente di Confimprenditori Bari, ha avuto modo di intervenire e di sottolineare il ruolo della nostra regione: “La Puglia è una di quelle regioni del Sud in cui il denaro purtroppo costa di più rispetto alle regioni del Nord. Siamo penalizzati sul fronte dell’accesso al credito”. Un giudizio non del tutto positivo che mette in luce le carenze di un sistema da rivedere. “Le PMI e gli imprenditori – ha detto Michele Desario,  – sono attori cruciali per una crescita economica sostenibile e inclusiva. Tuttavia, le molte difficoltà che PMI e nuove imprese incontrano, in particolare nell’accesso al credito, ne limitano la capacità di contribuire all’innovazione, alla crescita e all’occupazione. Per chi vuol fare impresa oggi ed investire sul futuro, il nodo principale da superare è senza dubbio l’accesso al credito. La nostra associazione rappresenta gli Imprenditori / Liberi professionisti ed aiuta le Imprese in una fase economica di ripresa lenta . Dobbiamo ammettere che La Puglia è una di quelle regioni del Sud in cui il denaro purtroppo costa di più rispetto alle regioni del Nord. Siamo penalizzati sul fronte dell’accesso al credito. Servono interventi per la ripresa. Le garanzie, il microcredito, il Selfiemployement, imprese a tasso zero ed il Bando NIDI, hanno favorito il finanziamento delle nuove  Imprese pugliesi che vogliono investire”. 

Tra gli intervenuti all’incontro anche Angelo Cicalese di Eurofinance, Paolo Ferraiolo di Puglia Sviluppo e Maria Pellegrino di  Cofidi.it”.

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO