Al via a Bari la prima stagione artistica 2016-2017 dell’associazione Culturale Italo-Spagnola (ACIS).

0
1272

Venerdì 18 novembre, con un doppio set alle 20 e alle 21,30, si inaugura all’auditorium Vallisa di Bari la prima stagione artistica 2016-2017 della neonata Associazione Culturale Italo-Spagnola (ACIS). La rassegna «Flamenco a teatro», realizzata in collaborazione con l’associazione Flamenco del Sur di Daniela Mezzina, proporrà sul palco la “bailaora” Carmen Meloni, in scena con il “cante” di Rosarillo e il chitarrista Sergio Varcasia. A narrare la suggestione dell’universo flamenco sarà la voce recitante di Mattia Galantino. Infotel biglietti e abbonamenti: 328.595.93.59.

Carmen Meloni darà vita ad una serata unica, in una carica artistica e flamenca di formidabile potenza espressiva, con la musica evocativa di Varcasia e la graffiante voce di Rosarillo, a completare un quadro teatrale che fornirà momenti di grande intensità. Altrettanto significativa la presenza della voce recitante di Mattia Galantino: nel suo “racconto” flamenco la propria voce si amalgama all’azione scenica dei ballerini e dei musicisti. Uno straordinario viatico per un viaggio poetico all’interno del flamenco, attraverso liriche e “letras”.

La stagione 2016-2017 della neonata Associazione Culturale Italo-Spagnola, con la direzione artistica di Leonardo Grittani, proseguirà poi con altri appuntamenti all’auditorium Vallisa legati alla musica, flamenco, teatro, danza, letteratura e molto altro ancora. L’iniziativa di questa associazione è di Antonella Sardelli (presidente ACIS), che insieme a Bruno Gallo (Console Onorario di Spagna a Bari) ha deciso di costituire l’associazione per promuovere e divulgare la conoscenza del mondo artistico spagnolo in tutte le sue forme, in stretto contatto con l’associazione Dicunt che già opera sul territorio da diversi anni, rappresentando un punto di riferimento per i sempre più numerosi studenti e turisti spagnoli che affollano la Puglia.

I prossimi appuntamenti di «Flamenco a teatro» si svolgeranno il 3 febbraio e il 21 aprile, anch’essi caratterizzati da un doppio spettacolo, alle 20 e alle 21,30. La cantaora Rosarillo ed il chitarrista Sergio Varcasia saranno ospiti fissi, affiancati di volta in volta da bailaores e bailaoras di rango internazionale, come Lia Ruscica e Dario Carbonelli. Le voci narranti dei registi ed attori Pantaleo Annese e Francesco Tammacco (della compagnia «Il Carro dei Comici») accompagneranno il pubblico in questi altri due appuntamenti, ispirati ai «tablaos» spagnoli, trasferendo questa tipica formula di spettacolo in spazi più “teatrali” e letterari. Il 20 gennaio il chitarrista Davide Cervellino si esibirà in trio in «Flamenco Nuestro», in una particolare attitudine artistica che ha il seme nel «duende», incantesimo misterioso ed ineffabile. Il giorno successivo Cervellino terrà una masterclass e laboratorio di flamenco.

Domenica 4 dicembre toccherà allo spettacolo di burattini «El Lazarillo», a cura di Marco Del Bene e Mirko Laserra: il celebre personaggio di uno dei capisaldi della letteratura picaresca spagnola del XVI secolo, prenderà vita sotto forma di burattino.

Il 24 marzo spazio al jazz con «Latinalegría», con il latin jazz trio del pianista Nicola Pannarale, in un viaggio guidato attraverso i suoni, le melodie e colori della musica cubana, dalle origini ad oggi (si esibirà anche la ballerina cubana Nieves Soto). Il 19 maggio sarà la volta del recital cameristico «Baila, Mujer!», con Maurizio Zaccaria (pianoforte), Leonardo Grittani (flauto) e il soprano Marika Spadafino.

Infine il 23 aprile si svolgerà una giornata dedicata al grande scrittore spagnolo Miguel de Cervantes (1547-1616), nel quarto centenario dalla scomparsa: in mattinata lo spettacolo di attore e figura «Los Reflejos de Quijote», nel pomeriggio un seminario internazionale sul grande romanziere e alle 19 l’atto finale del Premio di Composizione Musicale Cervantes. Informazioni e dettagli sulla pagina Facebook «Associazione Italo-Spagnola ACIS Bari» e sul sito dicunt.org.

di Antonio Carbonara

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO