Al via la rassegna del Kabuki

0
716

Sabato 5 novembre, al Kabuki di Bari, luogo in cui le serate si svolgono tra cibo, musica e intrattenimento, si esibiranno i Casematte, duo elettronico composto da Angelo Rosato e Fabrizio Semerano.

Per il terzo anno consecutivo il Kabuki, storico locale nel cuore di Bari, ospita una rassegna di esplorazione all’interno dello scenario musicale elettronico indipendente nazionale e internazionale. Ogni appuntamento, due al mese nel periodo da novembre a marzo, vedrà un connubio tra un’esibizione live e un dj set, il tutto sotto la direzione artistica a cura di Ubique.

Nato dall’incontro dei due e dalla passione nei confronti della musica che li accomuna, questo è un progetto che affonda le sue radici nella voglia di creare. Angelo si è avvicinato al settore incuriosito dal pianoforte polacco presente in casa della nonna. Pian piano ha iniziato a cimentarsi con esso e senza alcuna preparazione musicale ha iniziato a comporre alcuni pezzi, inizialmente esclusivamente dei suoni, aggiungendo poi anche la sua voce. Sebbene l’idea di creare musica attraverso un’impostazione formalmente scorretta e fuori dagli schemi della didattica, possa comportare dei limiti, questo è diventato un incentivo per spingersi oltre e cercare di creare qualcosa di puro, che non abbia i condizionamenti derivati dall’apprendimento. Maturata l’intenzione di un progetto che non consistesse solo in piano e voce, ma in qualcosa di più emotivamente massiccio, è arrivato l’incontro con Fabrizio capace di aggiungere bassi, percussioni, campioni e ulteriori arrangiamenti alla musica di Angelo.

Durante l’esibizione proporranno i propri brani caratterizzati da un genere del tutto personale da loro stessi definito “Emottronica”, nel quale la componente emozionale prende il sopravvento insieme ad un mood elettronico.

Possibilità di cenare prima del concerto, a partire dalle ore 20:30.

Kabuki – Piazzetta Frati Cappuccini, 1– Bari

Infoline: 3313215154

Inizio spettacolo: 21:00

Fonte Ufficio stampa Valter Cirillo

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO