Autunno delle Stagioni 2016 dell’Agìmus a Mola di Bari

0
690
SONY DSC

Quattro concerti, dal 5 novembre al 3 dicembre, con i quali percorrere la musica da un capo all’altro del mondo, dalla Sicilia alla mitteleuropa sino alle Americhe, passando attraverso i generi e gli stili, nel segno della tradizione e della contaminazione.

L’appuntamento è nel Castello Angioino di Mola di Bari per l’Autunno delle Stagioni 2016 dell’Agìmus (Associazione Giovanni Padovano Iniziative Musicali), programmazione diretta da Piero Rotolo nella rete Orfeo Futuro con il sostegno della Regione Puglia e del Comune di Mola di Bari e il contributo della Fondazione Puglia (info 368.56.84.12 e www.associazionepadovano.it).

Si parte sabato 5 novembre (ore 21) con «Da Bonaria a Buenos Aires», un’esclusiva regionale (in collaborazione con Tim, Torneo internazionale di musica) che vedrà il Duo Perfetto (vincitore del concorso), composto dalla pianista Clorinda Perfetto e dal violoncellista Robert Witt, eseguire un programma sardo-argentino finalizzato a mettere in luce, attraverso le musiche di Granados, Cassadò, Piazzolla, Bragato, Iturralde e Gershwin, un inaspettato ponte di collegamento tra Cagliari e Buenos Aires.

E sempre in collaborazione con il Tim, ancora in esclusiva per la Puglia, è previsto il concerto di domenica 13 novembre (ore 19.30) con Le Scat Noir, un jazz trio formato da Natalia Abbascià (voce e violino), Ginevra Benedetti (voce) e Sara Tinti (voce e pianoforte) che ha in repertorio inediti e standard jazz di Nat King Cole, Ellington e Lester Young  riarrangiati in alcuni casi a cappella in altri con accompagnamento strumentale.

L’Autunno dell’Agìmus proseguirà domenica 20 novembre (ore 19.30) con «Anàktoron – Il palazzo del principe», nuovo progetto musicale di Carmelo Salemi, il compositore, clarinettista e polistrumentista – considerato dalla critica il re del flauto di canna degli antichi pastori greci (in siciliano, Friscalettu) – che con la pianista Ketty Teriaca proporrà dodici piccoli quadri sonori ispirati all’edificio megalitico di stile miceneo situato sull’altopiano di Pantalica, la più grande Necropoli d’Europa.

Chiusura, sabato 3 dicembre (ore 21), con il progetto divulgativo «Percorsi d’Opera» con cui stavolta l’Agìmus, dopo l’esperienza dello scorso marzo della «Bohème» in versione pocket, rende omaggio a Mozart con lo spettacolo «Amade’ – Storia di un genio» ideato e diretto da Jacopo Maria Dipasquale.

Info: (368.56.84.12 e www.associazionepadovano.it).

BIGLIETTI / TICKETS

 10 euro | ridotti 8 euro (>65anni) | ridotti 5 euro (<30anni) | 1 euro (ragazzi)

 -AgìmusCard:

ingresso gratuito a tutti i concerti

-Riduzione Family:

ingresso gratuito per un <18anni; ridotto per un adulto; intero per un adulto

-Progetto Scuola:

ingresso 1 euro per scuole che riconosceranno crediti formativi per la frequenza del ciclo di concerti

-Bonus Cultura:

ingresso gratuito ragazzi anno 1998 (18app)

-Ingresso gratuito per un accompagnatore di disabile non autosufficiente

 BOOKING:

Biglietteria online   www.associazionepadovano.it

Botteghino            luogo e giorno dei concerti

 INFO:

tel. 368 56 84 12 | 393 993 5266

 www.associazionepadovano.it

 info@associazionepadovano.it

*AgìmusCard_sostenitore*

(150€) –ingresso  gratuito  a tutti i concerti – posto riservato

 *AgìmusCard_fidelity*

(100€) – ingresso  gratuito  a tutti i concerti eccetto eventi – posto libero

 *AgìmusCard_studente*

 (20€) – ingresso  gratuito  a tutti i concerti eccetto eventi – posto libero

 L’AgìmusCard conserva la validità per 12 mesi a partire dalla data di sottoscrizione e garantisce un comodo e sicuro accesso, gratuito, senza code e senza prenotazioni.

Fonte Ufficio stampa  Francesco Mazzotta

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO