“KIDanza – Rassegna di danza per un giovane pubblico” 2^ edizione

0
776

Prende il via la seconda edizione di “KIDanza – Rassegna di danza per un giovane pubblico” appuntamento dedicato ai più giovani.

La rassegna si svolgerà in due momenti distinti, si inizia con l’anteprima il 01/02 ottobre, gli eventi in programma avranno luogo presso Studio Danza (C.so A. De Gasperi ) e Centro Futura (Parco 2 giungno); si prosegue poi, entrando nel vivo della rassegna, l’08/09 ottobre al Teatro Kismet OperA di Bari.  Performance, focus sull’infanzia e spazi per danzare e conoscersi, whorkshop di formazione in Pedagogia del Movimento rivolto a danzatori, educatori e insegnanti che lavorano con l’infanzia, letture e incursioni danzate, spettacoli rivolti ad un giovane pubblico, e non solo, sono gli elementi di questa seconda edizione della rassegna.

“KIDanza – Rassegna di danza per un giovane pubblico” è organizzata dall’Associazione “boaOnda. Movimento Danza”, con il sostegno del Teatro Pubblico Pugliese, con il patrocinio del Comune di Bari ed in collaborazione con Teatri di Bari, Teatro Kismet OperA, Associazione Culturale QuaLiBò e Centro Futura.  Fondata nel 2014 da Massimo Zenga, Manuela Lops e Teresa Tota, professionisti del settore da lungo tempo, l’Associazione “boaOnda. Movimento Danza” mira a valorizzare e diffondere la cultura della danza intesa come strumento non solo di svago o esibizione ma anche di crescita ed espressione umana, opportunità questa, rivolta indifferentemente a bambini ed adulti.

Per l’anteprima il 01/02 ottobre, presso Studio Danza a Bari,  si svolgerà il workshop in Pedagogia del Movimento “Parole per danzare e far danzare” a cura di Susanna Odevaine dell’Associazione Choronde di Roma; negli stessi giorni ci saranno due laboratori rivolti a bambini/e  per diverse fasce di età (dai 3 ai 5 anni e dai 6 ai 10 anni), i laboratori “Un gioco in ogni storia” saranno condotti da boaOnda/QuaLiBò;  mentre domenica 2 ottobre, a partire dalle ore 18 presso Centro Futura a Parco 2 giugno a Bari, per la chiusura dell’anteprima assisteremo a “brevi apparizioni in danza” a cura di Maristella Tanzi della Compagnia QuaLiBò, alla presentazione degli eventi della rassegna che si terrà al Teatro Kismet l’8/9 ottobre e a concludere il pomeriggio ci sarà la perfomance “Lara e il Vento” di e con Angela Iurilli e Fara Navach.

La giornata di sabato 8 ottobre si apre con il “laboratorio interattivo di video/danza” per bambini/e (età 6/10 anni) a cura di boaOnda e Massimiliano Di Lauro; si continua con “L’Aviatore e la Nuvola” lettura danzata a cura di Pietro Naglieri (voce) e Francesca Bovino (danza); si prosegue con lo spettacolo della Compagnia Teatro Viola (Roma) “Che cos’è un innamorato?” di Federica Migliotti e con Chiara Casciani e Marco Corti, lo spettacolo è rivolto a bambini/e dai 5 ai 12 anni.

La giornata di domenica 9 ottobre aprirà le attività il laboratorio per bambini/e “Le foglie e il vento” (età 3/5 anni) a cura della Compagnia Tecnologia Filosofica, il laboratorio svilupperà il tema del ciclo delle stagioni attraverso pratiche di espressione corporea e sensoriale; si continua con “L’Aviatore e la Nuvola” lettura danzata a cura di Pietro Naglieri (voce) e Francesca Bovino (danza);  a conclusione della mattinata e della seconda edizione della rassegna lo spettacolo “Le Foglie e il Vento” una produzione Associazione Didee in collaborazione con Compagnia Tecnologia Filosofica, progetto e regia Mariachiara Raviola, con Francesca Cinalli e Stefano Botti. (età 3/8 anni).  Lo spettacolo, liberamente ispirato a La Foglia Muriel di Leo Buscaglia, propone un immaginario poetico e una danza rituale capace di entrare nella favola universale del ciclo della vita. Durante la rassegna, al Teatro Kismet, sarà possibile visionare la mostra di illustrazione a cura di Massimiliano Di Lauro, Maria Teresa De Palma, Patrizia Mastrapasqua.

Inoltre ci sarà la presenza di alcune associazioni che lavorano con il mondo dell’infanzia e che, con i loro punti informazioni, faranno conoscere le loro attività.

Fonte Ufficio Stampa Kidanza

di Antonio Carbonara

LASCIA UN COMMENTO