Roberta Martucci: il dovere del ricordo a 17 anni dalla scomparsa

0
998
Roberta Martucci, 28 anni, di Torre San Giovanni (Lecce), scomparsa il 20 agosto 1999 (foto associazione Penelope Puglia - 18 agosto 2016)

Roberta Martucci, la 28enne di Torre San Giovanni (Lecce)  scomparsa nel nulla la sera del 20 agosto 1999, sono trascorsi 17 anni, la famiglia è chiusa in un silenzio carico di dolore e di angoscia.  Resta tuttavia il dovere del ricordo che l’associazione Penelope Italia intende manifestare in questi giorni. Un caso di scomparsa archiviato, come tanti, come quello del bimbo Mauro Romano  di 6 anni scomparso da Racale,  il 21 giugno del 1977. Due casi di scomparsa a distanza di pochi kilometri, la Procura della Repubblica di Lecce è sembrata impotente a tal punto da chiudere definitivamente i due fascicoli.

Dalle indagini appare chiaro che non si può trattare di un allontanamento volontario, qualcuno/a ha fatto del male a Roberta, la sua era una vita normale con progetti per il futuro.

Per il Prof. Avv. Antonio Maria La Scala, Presidente Nazionale dell’Associazione Penelope Italia, “ un caso archiviato può essere sempre aperto. Penelope chiede di istituire presso le Questure dei nuclei specializzati che si occupino proprio di cold cases” A Roma, continua La Scala,  “esiste già un nucleo speciale presso lo SCO della Polizia di Stato”.

Roberta è una delle  2.840 persone scomparse in Puglia, dal 1974 al 2016, 31.372 in Italia. Penelope è vicina alla famiglia Martucci nella triste ricorrenza.

di Antonio Carbonara

addetto stampa Associazione Penelope Puglia

Biofarma

LASCIA UN COMMENTO