Bari: “di Sanità non se ne può più”, manifestazione ieri in piazza San Ferdinando

0
351

In tanti in piazza ieri pomeriggio in Piazza San Ferdinando a Bari per discutere di sanità,  la manifestazione  è stata voluta dalla sigle sindacali pensionati SPI Cgil, FNP Cisl e UILP Uil. “Sanità non se ne può più”, questo lo slogan di protesta.

fnp cisl

Sono gli anziani i primi a soffrire delle leggerezze del sistema sanitario in Puglia e in Italia, la manifestazione di ieri pomeriggio riapre una delle ferite più acute che non trova soluzione.

Già oggi buona parte della popolazione rinuncia alle cure e i dati sull’invecchiamento della popolazione e sul trend pugliese, non lasciano dubbi sul destino di tante donne e uomini over 65, con bisogni sociosanitari complessi che quando non soddisfatti compromettono la sua possibilità di condurre una vita normale e con ripercussioni gravi sulle famiglie” E’ quanto dato sapere dalla nota congiunta delle sigle sindacali ieri in piazza, un quadro non del tutto confortante al quale si aggiunge una non chiarezza per il futuro.

Entro il 2019 la spesa sanitaria in Italia in rapporto al PIL sarà al limite della capacità di garantire livelli adeguati di cura, riconosciuti dall’OCSE. Già oggi, 2,4 milioni di anziani rinunciano alle cure per impossibilità a sostenerne i costi“.

In Puglia occorre una risistemazione del servizio sanitario, occorre, continua la nota, “rimodulare le reti, riorganizzare la rete ospedaliera, quella dell’emergenza-urgenza e quella territoriale, in modo da rispondere al bisogno dei cittadini, in maniera integrata e tale da evitare l’inappropriatezza dell’intervento… è proprio questa modalità organizzativa che vede la Puglia carente in termini di risposta appropriata“.

Uno delle urgenze è sicuramente la chiusura dei pronto soccorso in aree disagiate, dove i collegamenti risultano difficili – anche per via del sistema orografico territoriale e della viabilità stradale.

Tanti i problemi di un sanità della quale “non se ne può più”.

 

Cantine Di Gioia
Stolfa Edilizia
Casa Serena Capurso

LASCIA UN COMMENTO